|home|welcome|about us|sponsors|gallery|costarica|guatemala|marocco|peru|turchia|venezuela|mail|

ven035
1

ven023
2

ven034
3

 

Maracaibo

Adagiata all'ingresso dell'omonimo "lago" riporta alla memoria antiche avventure di pirati inglesi e olandesi, di galeoni spagnoli lungo la rotta tra l'Europa e le Indie Occidentali

1 - I bastioni, il fossato e una delle quattro garitte del castello di San Carlos de la Barra

2 - Le coloratissime facciate di abitazioni dell'epoca coloniale nel quartiere El Empedrao

3 - Nella laguna di Sinamaica. Il paesaggio e le costruzioni su palafitte suggerirono ad Alonso de Ojeda e ad Amerigo Vespucci, quando giunsero qui alla fine del XV secolo, il nome di golfo del Venezuela (piccola Venezia, appunto)

 

 

ven036
4

ven039
5

ven005
6

ven004
7

 

Merida e la Sierra Nevada

A 1645 metri di altitudine, nella valle del Chama, protetta dalle cime della catena andina, le Cinque Aquile Bianche, nel gregario del luogo, tra i boschi drappeggiati di piante epifite, sorge Merida

4 - Il grande patio di una "hacienda" di caffè

5 - Bellezze del luogo nei costumi tradizionali

6 - Cavalieri a Los Nevados. Sullo sfondo e lontana "la Silla de San Pedro"

7 - La laguna di Mucubaji. In primo piano alcuni esemplari di espeletia grandiflora, la pianta colonizzatrice dei paramos

 

ven040
8

ven037
9


 

Amazzonia

La regione amazzonica, Territorio Federal Amazonas, con i suoi 175.750km quadrati, circa un quinto dell'intera superfice del Venezuela, occupa la parte meridionale del pase

8 - Le nubi corrono minacciose nel tramonto sopra l'Orinoco

9 - L'incendio dei colori della foresta, nel piumaggio, nel becco, negli occhi di questo magnifico esemplare di pappagallo

 

 

ven015
10

ven017
11

 

Los Llanos

La immensa pianura tra l'Orinoco e le Ande, leggendaria come la pampa argentina o le praterie del Nord-America

10 - Un gruppo di llaneros

11 - Una famiglia di capibara

 

 
ven041
12

ven010
13

ven032
14

ven031
15

ven014
16

ven006
17

ven008
18

ven009
19

ven007
20

 

La Gran Sabana

Affascinante e terribile, in essa si confondono in perfetta osmosi la bellezza della vita e la crudeltà della morte

12 - Con le cascate El Sapo e Hacha il rio Carrao si apre nella laguna di Canaima. Sullo sfondo el Cerro Venado, Kuravaina-Tepuì, Tepochi-Tepuì

13 - Ombre giganti, quasi mitici uccelli, sopra il Wei-Tepuì, la montagna del sole e della luna

14 - Il fiume corre misterioso verso il precipizio del salto La Cortina

15 - La vertigine del salto Angel (979 metri), la cascata più alta del mondo

16 - Kako-parù o quebrada Jaspe, una delle meraviglie della Gran Sabana

17 - Volando nel labirinto di montagne e dirupi, squarci improvvisi di luce tra nubi minacciose e il respiro incredibile del vento

18/19/20 - Altre suggestive immagini del Parco nazionale di Canaima

 

 

 

ven029
21

ven025
22

ven042
23

ven043
24

ven026
25

ven024
26

ven027
27

 

La costa orientale

Un interminabile susseguirsi di spiagge, di piccole insenature, di golfi, isole, promontori e il fascino conturbante dei Carabi.

21 - Il litorale tra playa Medina e Chaguaramas , nella parte nord della penisola di Paria

22/23/24 - Bellezze locali di età diversa

25/26/27 - Spiagge dell'Oriente venezuelano

 

 
ven011
28

Caracas

La capitale, con la più alta concentrazione urbana del paese, centro politico, amministrativo, finanziario, industriale e culturale del Venezuela. A 936 metri di altitudine, in una depressione della cordillera de la Costa

28 - El Parque Central con le due torri gemelle

 

 
ven013
29

Isla Margarita

Di fronte alla costa orientale, spiagge bianche e rosate, scogliere, lagune nell'azzurro intenso del mar dei Caraibi

29- Arco naturale a Punta Tigre nella penisola di Macanao

 

 

ven012
30

ven044
31

ven045
32

ven038
33


Coro

Nella parte occidentale del paese, ai piedi dell'istmo di Medanos, che la unisce alla penisola di Paraguanà, Coro, la città-museo del Venezuela, patrimonio culturale dell'umanità dal 10 dicembre 1993, ricca di testimonianze dell'epoca coloniale

30/31/32 - Il gioco cromatico dei muri, delle facciate, dei portali, delle finestre, le pietre grigie del selciato: l'incanto coloniale di Coro

33 - Le dune mobili di Los Medanos

 

ven018
34

ven020
35


36

ven021
37

ven022
38

ven039
39

Los Roques

Nel Mar dei Caraibi, 128 km a nord di La Guaira, 176 da Caracas, l'arcipelago de Los Roques, che Cristoforo Colombo chiamò "Paradiso Terrestre"

34/35/36/37/38/39 - A quale tavolozza appartengono i colori di questo mare, delle strisce di terra? Quale mano invisibile ha disegnato queste linee sull'acqua? Dall'alto i "cayos de Los Roques" ci appaiono come la materializzazione di un sogno mai sognato, una visione quasi irreale. Forse gli uccelli marini conoscono il segreto di questo paradiso

 
inizio pagina

© 2002 Editoriale Le Torri srl - Webmaster IMGN